YOGA SU MISURA E HATHA YOGA

YOGA SU MISURA E HATHA YOGA

Yoga su Misura: il metodo che rispetta la preziosa individualità di ognuno avvalendosi di una conoscenza antica e preziosa

Lo Yoga su Misura è un metodo che utilizza le tecniche dello Hatha Yoga scelte in funzione delle caratteristiche fisiche ed energetiche e degli obiettivi del praticante, per creare una pratica utile e sicura.

Sono Michela, insegnante Yoga certificata Yoga su Misura e spesso, quando parlo del metodo che seguo, mi viene chiesto il significato di Hatha Yoga. Ho quindi pensato di riportare brevemente i punti fondamentali di uno degli stili di Yoga più diffusi in occidente.

Lo Hatha Yoga viene definito lo Yoga dello “sforzo” in riferimento all’impegno richiesto nella pratica. Si tratta comunque di uno sforzo intelligente, senza competizione e nel rispetto dei limiti che vengono sollecitati e gradualmente superati. Esiste poi una seconda interpretazione del termine Hatha che suddivide la parola in Ha (Sole) e Tha (Luna) a simboleggiare l’unione e la successiva trascesa delle due polarità nell’Uno.

Il prana (energia vitale) circola nel corpo all’interno di canali denominati nadi che nascono dal bulbo situato fra gli organi genitali e l’ombelico. La nadi principale, chiamata Sushumna, si trova invece fra il muladhara chakra alla base e il loto dai mille petali oltre la sommità del capo e attraverso il bulbo senza nascere dallo stesso. Rivestono poi grande importanza altre due nadi chiamate Pingala e Ida e associate rispettivamente all’energia solare e a quella lunare. Quando le correnti praniche convergono da Pingala e Ida a Sushumna, il prana trova stabilità ed equilibrio. Tale passaggio è possibile a seguito dell’apertura di Sushumna normalmente ostruita da Kundalini, la potenza in stato latente custodita nella profondità di ognuno. L’apertura del canale determina, oltre al movimento del prana, anche la risalita di Kundalini-Shakti che finalmente può unirsi a Shiva così da superare ogni divisione e ritrovare l’unità.

La tradizione dello Hatha Yoga viene definita come la dottrina dei natha o dei kaphata yogin il cui primo maestro, chiamato Adinatha, è rappresentato proprio da Shiva. Nella trasmissione degli insegnamenti, un ruolo fondamentale spetta a Goraksha, figlio di un dono di Shiva e allievo di Matsyendra-natha, che organizzò la conoscenza dello Yoga intorno a pratiche psicofisiche volte al dominio del corpo e al controllo della mente (sec. XI). Uno dei principali testi a cui far riferiferimento nello studio della disciplina è Hatha Yoga Pradipika (sec. XV) il cui autore Svatmarama, allievo diretto di Goraksha, si ispirò per la sua opera a due importanti testi intitolati Hatha Yoga e Goraksha Śataka.

Lo Hatha Yoga è composto di sette parti:
– Satkarman, i sei atti purificatori
– Asana, le posizioni (spesso accompagnate da particolari contrazioni definite bandha)
– Mudra, i gesti
– Pratyahara, il ritiro dei sensi dagli oggetti esterni
– Pranayama, il controllo del respiro
– Dhyana, lo stato di meditazione
– Samadhi, l’identità fra colui che pensa, l’oggetto pensato e l’atto del pensare

La pratica, che richiede notevole impegno sia dal punto di vista fisico che mentale, ha tre precise finalità:

  • trattenere il seme;
  • stabilizzare il prana;
  • sopprimere le attività della mente

Il raggiungimento di tali obiettivi è la condizione necessaria per realizzare il fine dello Yoga: la liberazione (moksha) dal ciclo delle rinascite (samsara). La meticolosa descrizione delle tecniche yoga è quindi finalizzata al conseguimento dello stato di samadhi nel quale lo yoghin è finalmente libero dai diversi modi dell’esistere e la sua mente può così contemplare il Vero.

Lo Hatha Yoga Pradipika rappresenta una vera e propria lampada che illumina la disciplina dello Hatha Yoga. Altri due testi importanti di scuola natha per la conoscenza di tale dottrina sono la Gheranda Samhita e la Shiva Samhita.

Lo Yoga su Misura è quindi un metodo che, pur presentando finalità diverse rispetto alle tre precedentemente indicate, include una conoscenza tecnica antica e preziosa scelta in modo accurato nel rispetto dell’individualità di ognuno e del particolare momento del giorno e dell’anno in cui viene ad essere effettuata la pratica.

 

Ti è piaciuto l’articolo? Lascia un commento e condividilo con i tuoi amici.

Grazie!

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *